¡FESTEGGIAMO IL NOSTRO 15º ANNIVERSARIO!

¡Ripaghiamo la sua fiducia!

-15%

su ogni

recupero dati

Chiamaci allo

*Promozione valida per un tempo limitato e non cumulabile con altre promozioni in corso

02 36 00 60 60

Richieda la garanzia di un laboratorio certificato

Chiamaci e comincia a recuperare i tuoi dati:

Il nostro laboratorio fornisce la tecnologia
più avanzata: Camera bianca ISO 7 (Classe 10.000)

02 36 00 60 60

Speciale alte temperature: Ondate di calore e consumo elettrico eccessivo

1. Introduzione

Nei mesi estivi, come Giugno, Luglio e Agosto, si producono aumenti della temperatura, che per diverse ragioni, possono provocare che il nostro disco smetta di funzionare correttamente, e noi perdiamo l’accesso ai nostri dati.

Questo guasto, che comunemente è denominato “Sbalzo termico”, aumenta considerabilmente nei mesi estivi.

Sono tanti i sintomi che ci indicano che il nostro hard disk non sta funzionando correttamente per causa derivate dall’alta temperatura, identificare in tempo il problema, e cercare di evitarlo, può levarci un gran problema di torno, come quello di perdere dati importanti per noi o per il nostro lavoro.

2. Cosa è uno sbalzo termico?

Sono molteplici i sintomi che ci indicano che il disco non funziona bene per cause derivate dalla temperatura.

La prima cosa che devi considerare, è che un hard disk, è un apparecchio di precisione, che per il suo corretto funzionamento, moltitudini di parte meccaniche devono funzionare correttamente, e cordinarsi l’una con l’altra. Un malfunzionamento di qualsiasi di queste parti, può provocare che non sia leggibile o leggibili, file presenti nel nostro hard disk.

Tutte le parti meccaniche, sono progettate per funzionare a determinate temperature, se il computer funziona ad una temperatura superiore, può provocare uno stress all’hard disk, che ovviamente può ridurre il suo ciclo vitale. Questo stress, sarà maggiore, quando ovviamente ci sono forti sbalzi di temperatura in un ridotto spazio temporale.

Esempio:

In estate, durante la giornata lavorativa, in ufficio si accende l’aria condizionata, che porta l’ambiente ad una temperatura di 21 gradi. Quando però ce ne andiamo, l’aria si spenge, però i computer restano accesi, come ormai d’abitudine anche a casa, bene in poco tempo potremmo passare ad una temperatura ambiente di 40 gradi, ripetendo questo ciclo ogni giorno.

Spiegazione del problema: Andiamo a cercare di spiegare in maniera più semplice il motivo per cui i dati non possono essere letti con questo tipo di guasto. Lo facciamo con un esempio illustrato, come per esempio i dischi di vinile degli antichi giradischi.

Immaginiamo di mettere un disco di vinile per ascoltare una determinata canzone. Collochiamo il disco sul piatto, questo comincia a girare, e collochiamo la lente di lettura sulla pista corrispondente alla canzone che vogliamo ascoltare. Nel momento in cui la testina tocca il disco comincia a suonare la canzone. Che sarebbe successo però, se questo disco fosse stato esposto al sole e si fosse piegato? Che probabilmente la pista non formerebbe una spirale perfetta, bene in questo modo ovviamente la lente non riesce a leggere bene la pista, e quindi la canzone non potrebbe essere ascoltata bene.

Lo stesso sarebbe successo se fosse la testina ad essersi sbilanciata.

 

Disco duro en recuperacion de datos

 

Una deformazione di qualsiasi parte meccanica interna di un hard disk, provoca che le testine di lettura non si posizionino correttamente sopra il settore che deve essere letto, impedendone cosi l’accesso.

3. Si possono recuperare dati da un Hard Disk che ha subito uno sbalzo termico?

La risposta è, si si possono recuperare i dati. Ovviamente per inquadrare correttamente l’origine del problema, è necessaria l’apertura del disco. Per realizzarla, si ha bisogno di un ambiente con condizioni di pulizia adeguate, come la nostra camera bianca. Bisogna sapere che una testina, quando legge il piatto non lo tocca, ma ci passa sopra mantenendo una distanza dal piatto di 10 milionesimi di centimetro.

In seguito, dobbiamo modificare le condizioni di torsione e di temperatura, affinchè si ottenga l’allineamento perfetto tra testine e i dati archiviati sul piatto. Può anche darsi che, questi parametri vanno cambiati in base alla zona del disco dove si sta lavorando. Questo rende l’operazione di recupero dati più lenta e complessa.

4. Più problemi relativi a perdite di dati dovuti alle alte temperature

Come abbiamo visto, le alte temperature, sono uno dei grandi nemici degli Hardi Disk. Non solo per gli sbalzi di temperatura, ma anche perchè sono causa indiretta di altri tipi di guasti. Quando si verificano le “onde di calore”, generalmente si verifica anche un uso sproporzionato dell’elettricità, specialmente dovuta dall’accensione dell’aria condizionata. Più calore, più potenza richiesta per questi apparati. Già abbiamo spiegato le problematiche dovute ad uno sbalzo delle temperature. Però l’alta richiesta di elettricità, in alcune occasioni, può portare ad alcuni problemi con la somministrazione elettrica che arriva nelle nostra casa, come sbalzi di picchi energetici. Quando si producono queste situazioni, i nostri apparati elettronici, rischiano di subire danni alla placca elettronica del disco, che può smettere di funzionare all’improvviso.

5. Consigli

Per proteggerci da questo tipo di guasto, come obiettivo c’è quello di riuscir a consentire all’aria accumulata all’interno della cassa dell’Hard Disk di uscire e fare spazio ad aria più fresca, anche se ormai i nuovi dispositivi lo fanno automaticamente. Vogliamo raccomandare:

  • Forzare il flusso di aria interna alla cassa, magari collocando un ventilatore di fronte che introduce aria, e un altro nella parte posteriore che tolga quella calda.
  • Collocare la cassa del computer in una stanza che si trovi ad una temperatura stabile.
  • Cercheremo di non collocare MAI il computer in un armadio chiuso, dove ovviamente non può avvenire il ricircolo dell’aria.
  • Non esporre il computer al sole.
  • Quando collochiamo due Hard Disk nel case del nostro computer, cerchiamo di non collocarli in due slot continue, questo potrebbe ridurre ovviamente la circolazione dell’aria e il surriscaldamento dei due apparati.

Per proteggerci da guasti di natura elettrica, dobbiamo seguire questi consigli:

  • Collocare dispositivi contro la sovratensione nelle nostre spine elettriche che alimentano i nostri pc.
  • Il miglior sistema, è disporre di un gruppo di continuità, che ci permetterà, di avere un margine di tempo per spengere in nostro pc nella forma corretta.
  • Nel caso in cui, sappiamo di dover utilizzare il nostro pc per un lungo periodo, o quando si prevedono temporali, si consiglia di staccare la spina di alimentazione.

E soprattutto deve considerare che:

“Una perdita di dati, si produce non quando si rompe il nostro dispositivo, ma quando si rompe e non abbiamo fatto una copia di sucurezza dei nostri dati”.

Fonte: Recovery Labs.